Cosa stai cercando?

Ispirazione

Valori

Know-how

Creazioni

La nostra storia

Tutti gli Orologi

Bucintoro

Nereide Ultraleggero

Nereide

Nereide GMT

Redentore

La ceramica nell'orologeria


L'orologeria è un’arte in cui l'età si misura ormai in secoli. Tuttavia, solo in tempi relativamente recenti, alcune maison hanno iniziato a sperimentare l’utilizzo della ceramica nei propri segnatempo. 

Eppure, questo materiale ha ben 16.000 anni di storia che inizia con i popoli del Sahara e del Giappone. A partire da questi luoghi raggiunse l’Europa nel III millennio a.C., dove i greci diedero a questo composto di argilla, feldspati, silice, ossidi di ferro, quarzo e allumina il nome di “Kéramos”.  

Le lavorazioni della ceramica si distinguono a seconda della sua composizione. Negli impieghi artistici, i risultati migliori si devono all’impiego di una particolare argilla, il caolino, che unita a feldspato e silice dà origine alla porcellana, la famosa ceramica bianca. Ideata dagli artigiani cinesi, venne introdotta in Europa solo nel VIII secolo grazie alla Via della Seta.

Coppa, San Girolamo e il leone, Galleria Nazionale delle Marche
 

Nel corso del Rinascimento apparvero in Italia i più rinomati laboratori di ceramica del continente. Tuttavia, fu solo nel ‘700 che anche in Europa fu possibile raggiungere la qualità delle raffinate porcellane cinesi grazie agli esperimenti effettuati dal barone Ehrenfried Walther von Tschirnhaus di Sassonia e dall'alchimista Johann Friedrich Böttger.

Grazie ai rapporti commerciali con l’Europa centrale, la Bottega Vezzi, inaugurata a Venezia nel 1720, riuscì a realizzare articoli della stessa qualità della porcellana “europea”, anche grazie al know-how mutuato dalla fiorente industria del vetro veneziano.

  

LA CERAMICA NELL’OROLOGERIA

La ceramica presenta alcune proprietà che la rendono interessante per applicazioni che richiedono peso ridotto, resistenza ad alte temperature e alle scalfitture.

La necessità di un materiale che consentisse agli orologi una resistenza all’usura di livello superiore, più di quanto potesse fare l’acciaio, senza però appesantire le casse, ha portato la ceramica nell’orbita di interesse dell’orologeria. I pionieri di questa ricerca furono, a partire dagli anni ‘60, Rado, Omega e IWC. Omega elaborò inizialmente una miscela di ceramica e metallo (genericamente definita “cermet”). Fu poi IWC nel 1986 a introdurre la prima vera cassa in ceramica, con il Da Vinci ref. 3755, seguita a ruota da Rado, che nello stesso anno presentò la collezione Integral, con cassa e cinturino costituiti quasi per intero da ceramica.

 

 

L’altro componente che richiede l'impiego di un materiale particolarmente resistente è certamente la lunetta degli orologi subacquei. La prima maison ad introdurla fu Rolex nel 2005 sul GMT-Master II.

La lunetta è l’elemento della cassa più soggetto all’usura, ed essendo il componente caratteristico dei “diver”, strisci e graffi saltano subito all’occhio e inducono la percezione di un orologio con qualche anno in più rispetto all’età reale.

 

NEREIDE CERAMICA

Utilizzare la ceramica per la lunetta, consente all’orologio di mantenere un look “senza età” a lungo. È questo lo scopo primario che vogliamo raggiungere con Nereide Ceramica, orologio subacqueo di cui riassumiamo brevemente le caratteristiche tecniche salienti: 

  • Movimento svizzero Sellita SW200-1
  • Impermeabile fino a 200 metri
  • Cassa in acciaio 316L
  • Lunetta in ceramica

 

 

Data la sua particolare durezza e resistenza alle alte temperature, la ceramica presenta delle complessità nella lavorazione che avviene mediante sinterizzazione, ossia attraverso il consolidamento della polvere di ceramica tramite compressione e cottura ad alta temperatura. Una volta ottenuta la forma grezza, gli indici vengono incisi al laser e la superficie viene rifinita con una mola diamantata per ottenere una finitura perfettamente lucida, che impreziosisce l’orologio grazie ai caratteristici riflessi netti.

La ceramica gode inoltre di un’altra eccezionale proprietà; è immune alla scoloritura che affligge le più comuni lunette in alluminio e bachelite, la cui verniciatura si degrada inesorabilmente per effetto dell’esposizione alla luce solare.

 

  

Nereide Ceramica, disponibile inizialmente in 250 esemplari, si inserisce nel filone di orologi - già inaugurato con l’edizione Tungsteno - in cui esprimiamo il nostro know-how dei materiali.

Se sei interessato a questo nuovo modello in uscita a breve, continua a seguirci. Clicca qui in basso e parla con il nostro team per avere maggiori informazioni:

Chatta su Whatsapp
Chiamaci